CHI CAMMINA SUI TUOI SOGNI?

 “… essendo povero, ho soltanto sogni;
E i miei sogni ho steso sotto i tuoi piedi;
Cammina leggera, perché cammini sui miei sogni”

William Butler Yeats

Ci muoviamo per costruire e sviluppare le nostre attività. Qual è il motore che ci spinge: sogni, aspirazioni, attitudini, pianificazione ponderata? Le persone che conoscete camminano con passo leggero? O saltano irrispettosamente sopra alle vostre aspirazioni e vi danno giudizi di impraticabilità?

 

Passi pesanti: i dispensatori di critiche.

Si narra di un giovanissimo operaio napoletano dell’inizio del ‘900 che sognava di fare il cantante. Il suo primo maestro gli disse che non era il caso, che non era portato, e che i suoni da lui prodotti erano oltremodo sgradevoli. Eppure, la madre gli disse abbracciandolo con affetto che lei credeva in lui, e che poteva continuare a prendere lezioni. Avrebbe cambiato maestro. Quel giovane operaio era Caruso, che sarebbe diventato uno dei maggiori cantanti lirici del suo tempo. Vista a posteriori quella madre può essere paragonata ad un ottimo coach.

Contine reading

L’AFORISMA DEL MESE

 

Abbiamo scelto questa frase perché ci fa riflettere sulle scoperte che si possono fare quando si ha il coraggio di spostarsi dalla propria comfort zone. Scoperte che ci possono portare a preferire nuove abitudini, nuove strade.

Scoperte che per la nostra esperienza avvengono spesso nella formazione esperienziale.

 

Per non perderti i nuovi articoli e corsi in partenza, iscriviti alla newsletter

 

 

REINVENTARSI ALL’ALBA DI OGNI GIORNO

“Nulla è permanente, tranne il cambiamento”

Eraclito

 

Il cambiamento continuo è la norma, l’esserne consapevoli fa la differenza.

Che ci sia la crisi economica o il boom, il cambiamento dell’ambiente intorno a noi ogni giorno è una situazione a cui dobbiamo adeguarci eccezionalmente, o la norma? Ogni giorno riserva sempre nuove sfide sia per le aziende e i liberi professionisti che per i dipendenti.

La tecnologia, che ha cicli di prodotto sempre più ridotti, costringe i produttori a rincorrere le mutevoli esigenze dei consumatori. Mentre questi da una parte promuovono i loro prodotti e servizi attuali, dall’altra devono svilupparne di nuovi per non rimanere indietro rispetto alla concorrenza.

Già da alcuni anni si fa sempre più spesso shopping online, magari mentre si prende il sole in spiaggia o mentre si passeggia al parco con in mano l’iPhone, e produttori di beni e servizi o liberi professionisti non possono non tenerne conto. Così sempre più persone hanno realizzato che il nuovo biglietto da visita già da qualche anno non è più di carta, ma corrisponde ad un sito web. Si possono rifiutare i nuovi strumenti (social, funnel, inbound marketing, etc.) per antipatia, o imparare a usarli per garantirsi condizioni paritarie nel raggiungere il proprio target rispetto ai concorrenti, per non chiudere la comunicazione con una sempre crescente fetta di mercato che si abitua a nuovi canali e modalità.

 

Contine reading